Questo sito ricorre ai cookies per ottimizzarne l'utilizzo da parte del visitatore. Continuando a navigare nel sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire, clicca qui.

LOGIN

Venerdì, 07 ottobre 2022

     
07 Feb 2022

Febbraio 2022

Il mondo della scuola saluta con piacere la conferma di Sergio Mattarella al Quirinale. Non tanto per le ricadute sulla più alta carica dello Stato che, peraltro, ha scombinato i piani del Presidente, ma per il fatto che, in linea teorica, non dovrebbero esserci, almeno per un altro anno, ripercussioni sulla stabilità del Governo.

Stabilità necessaria per poter affrontare, oltre alla crisi pandemica e sociale, le necessità di programmazione e attuazione del PNRR, tra le cui voci la scuola è fortemente rappresentata e dalla attuazione di queste voci dipende il salto di qualità che la scuola vuole e deve fare.

Il PNRR è articolato in sei Missioni, che rappresentano le aree di intervento principali del Piano e sono: Digitalizzazione, innovazione, competitività, cultura e turismo; Rivoluzione verde e transizione ecologica; Infrastrutture per una mobilità sostenibile; Istruzione e ricerca; Inclusione e coesione; Salute.

Le risorse destinate all’istruzione, pari a 17,59 miliardi di euro, si articolano in 11 linee di investimento, 6 destinate alle infrastrutture e 5 alle competenze.

Una scommessa importante che il Ministero guidato da Patrizio Bianchi dovrà saper affrontare completando in primis la riorganizzazione (ancora in fieri) e assumendo le risorse umane necessarie. Oltre al PNRR, sono sul piatto i rinnovi contrattuali, la mobilità e gli esami di Maturità.

Occorre fare presto e bene.

 

Informazioni sull'articolo

Leonardo Filippone

Direttore amministrativo dell’Istituto “A. Avogadro” di Torino, dirige la rivista Sinergie di Scuola.

Scrivi all'autore
Logo SinergieSinergie di Scuola è un'iniziativa editoriale di HomoFaber Edizioni. Da oltre dieci anni nel campo dell'informazione scolastica e della pubblica amministrazione.

Resta in contatto

Newsletter