LOGIN

Venerdì, 28 novembre 2014

     
HOME Le Notizie Miur Mobilità dei dirigenti scolastici
06 Giu 2012

Mobilità dei dirigenti scolastici

Il 5 giugno 2012 è stato sottoscritto il CCNI sulla mobiltà dei dirigenti scolastici per l'a.s. 2012/2013.

Per quanto riguarda le istituzioni scolastiche dimensionate, il CCNI prevede che nelle ipotesi di fusioni e accorpamenti, i criteri per il conferimento devono tener conto dei seguenti aspetti:

a) accordo tra i dirigenti definito con l'Ufficio scolastico regionale;
b) anni di continuità sulle sedi sottoposte a dimensionamento;
c) esperienza dirigenziale e professionale complessivamente maturata;
d) numero di alunni della scuola di provenienza che confluisce nella nuova scuola.

Nel caso di istituzioni scolastiche sottodimensionate, se il numero di alunni è inferiore a 600 unità, ridotto fino a 400 in alcuni casi particolari ai sensi dell'art. 19, comma 5, della Legge 15 luglio 2011, n. 111, come modificata dalla Legge 12 novembre 2011, n. 183, queste non possono essere più sede di dirigenza scolastica ma devono essere conferite in reggenza a Dirigenti scolastici in servizio presso altre istituzioni scolastiche autonome. Pertanto, i Dirigenti scolastici in servizio sulle predette sedi avranno titolo a partecipare alle operazioni di mutamento di incarico e di mobilità interregionale, sia nel caso di prossima scadenza del contratto sia nel caso in cui il contratto non sia in scadenza, successivamente ai Dirigenti di cui sopra.

Nelle eccezionali ipotesi di esubero, qualora le disponibilità di sedi conferi bili siano inferiori al numero dei Dirigenti scolastici in servizio nella regione, i Dirigenti scolastici che ricoprono una sede divenuta sottodimensionata, esaurite le disponibilità assegnabili per norma (tra queste vanno ricomprese: le sedi vacanti e disponibili, le sedi già assegnate con incarico nominale ad altro Dirigente scolastico distaccato e utilizzato altrove ai sensi delle vigenti disposizioni, le sedi, comunque, disponibili per l'intero anno scolastico in virtù dell'assenza del titolare), saranno assegnati sulle sedi sottodimensionate con un incarico di durata annuale conferito sulla sede ricoperta nell'anno scolastico 2011/2012.

Terminate tali operazioni, qualora residuino ulteriori sedi sottodimensionate, le stesse verranno attribuite, a domanda o d'ufficio, prioritariamente ai Dirigenti scolastici cui sia stato conferito il predetto incarico annuale.

Al fine di stabilire quale ulteriore sede sottodimensionata debba essere assegnata al Dirigente scolastico, i criteri di cui si terrà conto sono:

a) preferenza espressa dal Dirigente scolastico;
b) vicinanza tra le due sedi;
c) residenza del Dirigente scolastico.

Potrebbe interessarti anche:

Logo SinergieSinergie di Scuola è un'iniziativa editoriale di HomoFaber Edizioni. Da oltre dieci anni nel campo dell'informazione scolastica e della pubblica amministrazione.

Resta in contatto

Newsletter