Questo sito ricorre ai cookies per ottimizzarne l'utilizzo da parte del visitatore. Continuando a navigare nel sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire, clicca qui.

LOGIN

Domenica, 20 agosto 2017

     
HOME Le Notizie Sindacati Proroga al 26 luglio per la presentazione del modello B
25 Lug 2017

Proroga al 26 luglio per la presentazione del modello B

Oggi, 25 luglio, si è svolto un incontro al MIUR per un esame della situazione, assai problematica, in cui si sta procedendo alla gestione delle domande di aggiornamento delle graduatorie d'istituto per le supplenze dei docenti (II e III fascia) e alle difficoltà incontrate anche per la presentazione, da parte degli aspiranti, del modello B per la scelta delle scuole.

Nonostante le molte difficoltà riscontrate e documentate, l'Amministrazione ha acconsentito a prorogare le attuali scadenze di un solo giorno. Più precisamente, gli aspiranti avranno tempo, per inoltrare il modello B, fino alle 20 del 26 luglio; lo stesso termine vale anche per le operazioni di competenza delle segreterie scolastiche, cui spetta il controllo e l'inserimento a sistema delle domande.

Nella nota 32120 del 25/07/2017, oltre alla proroga, il Miur comunica che:

  • gli aspiranti che, per cause a loro non imputabili, non riusciranno ad inoltrare il modello B entro la suddetta data, potranno presentarlo in modalità cartacea all’istituzione scolastica capofila, che provvederà a trasmetterlo al SIDI;
  • il Miur ha ricevuto numerose segnalazioni di provvedimenti di esclusione, da parte delle istituzioni scolastiche, nei confronti degli aspiranti che hanno nuovamente dichiarato, nella domanda di aggiornamento, il titolo di accesso inserito nel triennio precedente. Al riguardo, il Ministero ritiene che molti aspiranti abbiano reso tale dichiarazione in buona fede, in analogia a quanto richiesto nel precedente aggiornamento, ritenendo ancora valide le disposizioni impartite nel triennio 2014/17, in cui veniva richiesta nelle avvertenze ai modelli di domanda, in ogni caso, la dichiarazione del titolo di accesso. Pertanto, ove sia stato solamente ridichiarato il titolo di accesso e l’istituzione scolastica verifichi che esso è coincidente con quello già dichiarato nel precedente triennio tale situazione è da considerarsi errore in buona fede e non può costituire causa di esclusione della domanda dell’interessato.

Rispetto alla proroga, a conclusione dell'incontro questo è il comunicato diffuso dalla Cisl Scuola insieme a Flc Cgil, Uil Scuola RUA e Snals Confsal. 

SUPPLENZE, INSUFFICIENTE LA PROROGA DI UN SOLO GIORNO 

A rischio la continuità didattica. I sindacati chiedono garanzie per i precari e rispetto per il lavoro delle segreterie.

A pochi giorni dalla scadenza dei termini per l’inserimento nella piattaforma on line delle domande di accesso alle graduatorie di istituto da parte degli aspiranti docenti, il malfunzionamento del sistema mette in difficoltà le segreterie delle scuole e rende incerto l’esito delle quasi 700 mila domande.

Nell’incontro richiesto da Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola RUA e Snals Confsal, appena conclusosi al MIUR, l’Amministrazione si è detta disponibile a prorogare di un solo giorno le scadenze previste per la presentazione dei modelli B, che le segreterie scolastiche hanno il compito di controllare e inserire a sistema. Tuttavia una proroga così contenuta appare del tutto inadeguata rispetto al quadro complessivo delle difficoltà che i sindacati, nell’incontro di oggi, hanno ancora una volta evidenziato, fornendone abbondante documentazione. Nonostante il MIUR si sia riservato ulteriori interventi alla luce di quanto potrà emergere monitorando la situazione, questa rimane per molti aspetti decisamente preoccupante.

Non è accettabile che la scuola venga trattata in questo modo: occorre che siano garantiti il regolare avvio dell’anno scolastico, l’osservanza delle normative e dei contratti, il rispetto e la considerazione del personale ATA, costretto ad un impegno straordinario anche a causa di un organico inadeguato. Ma soprattutto è in gioco il diritto allo studio che è garantito dalla continuità didattica, resa possibile solo da una programmazione e da un efficace coinvolgimento del personale, troppo spesso lasciato alle prese con sistemi malfunzionanti che aumentano notevolmente lo stress lavorativo.

Ad oggi, abbiamo una certezza: il prossimo anno scolastico vedrà l’assegnazione di circa 85 mila supplenze che vanno conferite a titolo definitivo a inizio d’anno evitando il rischio di dannosi avvicendamenti in corso d’anno.

Con la ministra Fedeli abbiamo condiviso l’impegno di un avvio regolare dell’anno scolastico e per questo, metteremo in atto tutte le nostre energie ed adotteremo ogni nostra prerogativa per la tutela del lavoratori e la garanzia del buon andamento del servizio, pronti a denunciare le responsabilità riscontrabili per le inadempienze che stanno caratterizzando questa poco edificante vicenda.

Logo SinergieSinergie di Scuola è un'iniziativa editoriale di HomoFaber Edizioni. Da oltre dieci anni nel campo dell'informazione scolastica e della pubblica amministrazione.

Resta in contatto

Newsletter