Questo sito ricorre ai cookies per ottimizzarne l'utilizzo da parte del visitatore. Continuando a navigare nel sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire, clicca qui.

Stampa questa pagina
13 Ott 2020

Cappotti e libri: si possono portare in classe

Il MI ha pubblicato due nuove faq riguardanti gli oggetti che è possibile introdurre e maneggiare a scuola.

Si possono portare i cappotti in classe o ci sono particolari regole da rispettare?

Non sono previste particolari limitazioni per l'introduzione dei cappotti in classe. Il Comitato Tecnico Scientifico si è espresso sul tema rispondendo ad un quesito del Ministero dell’Istruzione, specificando che il rispetto delle buone prassi generalmente previste per il contenimento del virus (l’igiene delle mani, l'uso della mascherina, l’igiene ambientale), nonché il rispetto delle indicazioni specifiche per il settore scolastico (sanificazione periodica delle suppellettili e degli arredi, uso della mascherina, costante areazione dei locali e igiene delle mani degli alunni e del personale nel corso della giornata di attività) consentono già di limitare la diffusione del virus, riducendo la probabilità di contaminazione degli indumenti e di eventuale trasmissione del contagio per il tramite degli indumenti medesimi. Il Comitato Tecnico Scientifico non ritiene pertanto necessario introdurre ulteriori regole di comportamento relative alla gestione degli indumenti per prevenire la trasmissione del virus.

Si possono lasciare i libri a scuola?

Sì, i libri si possono lasciare a scuola. Il materiale didattico può infatti essere maneggiato tranquillamente, anche senza l’uso di guanti, e non serve trattarlo con spray (o gel) idroalcolico. Non ci sono rischi riferibili a questo tipo materiale, libri compresi. Lo ha confermato il Comitato Tecnico Scientifico, rispondendo ad un quesito del Ministero dell’Istruzione. Il CTS ha ribadito che è sufficiente per maneggiare libri, penne, astucci, fogli, album, il rispetto delle misure generali di comportamento per il contenimento del contagio da SARS-CoV-2, in particolare la frequente igienizzazione delle mani.