Questo sito ricorre ai cookies per ottimizzarne l'utilizzo da parte del visitatore. Continuando a navigare nel sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire, clicca qui.

LOGIN

Martedì, 23 ottobre 2018

     
HOME Le Notizie Spazio PON FSE PON Laboratori didattici innovativi
13 Dic 2017

PON Laboratori didattici innovativi

Il Miur ha pubblicato il nuovo Avviso per lo sviluppo in chiave digitale delle competenze di base e dei laboratori professionalizzanti. 

L'Avviso è finalizzato alla presentazione di progetti per la realizzazione di laboratori per lo sviluppo delle competenze di base e di laboratori professionalizzanti in chiave digitale. Mira, infatti, a realizzare, nelle istituzioni scolastiche del secondo ciclo d’istruzione, nuovi laboratori o a rinnovare quelli già esistenti.

Interventi

Le candidature possono riguardare le seguenti tipologie d’intervento:

  • Interventi Tipologia A, relativi alla realizzazione/riqualificazione e aggiornamento, in chiave digitale, di laboratori per lo sviluppo delle competenze di base nelle scuole del secondo ciclo di istruzione (lingue, matematica, scienze, ecc.) dotati di strumentazioni all’avanguardia e che favoriscano e potenzino l’apprendimento delle competenze chiave richieste dal mercato del lavoro;
  • Interventi Tipologia B, relativi alla realizzazione/riqualificazione e aggiornamento, in chiave digitale, di laboratori professionalizzanti, per gli istituti tecnici e professionali e per licei artistici, per l’acquisizione di strumentazioni all’avanguardia che possano favorire e potenziare l’apprendimento delle competenze professionali richieste dal mercato del lavoro.

Beneficiari

Sono ammesse a partecipare le istituzioni scolastiche statali del secondo ciclo di istruzione (scuole secondarie di secondo grado) delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Umbria e Veneto, con le seguenti specificità:

a) limitatamente alla regione Abruzzo, potranno presentare progetti di Tipologia B le istituzioni scolastiche statali del secondo ciclo di istruzione (scuole secondarie di secondo grado), con eccezione degli Istituti Professionali per i quali sono già state dedicate delle risorse ad hoc rese disponibili dalla Regione Abruzzo per il finanziamento del meccanismo premiale previsto dagli Obiettivi di Servizio del Fondo di sviluppo e coesione;

b) limitatamente alla regione Basilicata, la Regione potrà utilizzare la graduatoria per coprire il fabbisogno residuo relativamente ai soli Istituti tecnici e professionali, finanziando con proprie risorse FSC-Obiettivi di servizio i progetti non finanziati dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca;

c) limitatamente alla regione Molise, la Regione potrà utilizzare la graduatoria per coprire il fabbisogno residuo, finanziando con proprie risorse FSC-Obiettivi di servizio (realizzazione di ambienti multimediali e laboratori di settore) i progetti non finanziati dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

Sono ammesse inoltre le istituzioni scolastiche della Provincia autonoma di Trento, mentre per quanto riguarda le istituzioni scolastiche della Regione Valle d’Aosta e della Provincia Autonoma di Bolzano, saranno destinatarie di una specifica procedura.

Massimali

Ciascuna Istituzione scolastica potrà presentare due progetti, il cui importo massimo complessivo non dovrà superare i € 100.000,00, così suddiviso:

  • a. un massimo di € 25.000,00, per progetti di realizzazione di laboratori per le competenze di base per le studentesse e per gli studenti (Tipologia A) dei licei o del primo biennio degli Istituti tecnici e professionali;
  • b. un massimo di € 75.000,00 nel caso di Istituti tecnici e professionali e di licei artistici, che propongano un progetto per la realizzazione di laboratori professionalizzanti (Tipologia B) per uno degli indirizzi del triennio, aumentabile a € 100.000,00 nel caso in cui l’Istituto principale non presenti alcun progetto di Tipologia A (realizzazione di laboratori per le competenze di base per gli studenti del primo biennio degli Istituti tecnici e professionali e dei licei artistici).

 

I massimali sono da considerarsi I.V.A. inclusa.

Tempistiche

Gli interventi di cui si richiede il finanziamento devono essere ultimati, collaudati e rendicontati nell’ambito del PON entro i termini temporali di seguito indicati:

  • a. per i progetti relativi a interventi della Tipologia A: entro 10 mesi dalla lettera di autorizzazione inviata telematicamente dall’Autorità di Gestione;
  • b. per i progetti relativi a interventi della Tipologia B: entro 12 mesi dalla lettera di autorizzazione inviata telematicamente dall’Autorità di Gestione.

L’Autorità di Gestione, laddove tali termini dovessero essere superati, procederà con la revoca dell’ammissione a finanziamento e lo scorrimento a favore di ulteriori progetti rientranti nella graduatoria di merito.

Candidature

La presentazione della proposta progettuale avviene accedendo nell’apposita area all’interno del sito dei Fondi strutturali 2014-2020, denominata “Gestione degli Interventi” (GPU), collegandosi al seguente indirizzo: http://www.istruzione.it/pon/ e caricando la documentazione richiesta.

L’area del sistema Informativo predisposta alla presentazione delle proposte resterà aperta dalle ore 8.00 del giorno 8 gennaio 2018 alle ore 15.00 del giorno 26 febbraio 2018.

Logo SinergieSinergie di Scuola è un'iniziativa editoriale di HomoFaber Edizioni. Da oltre dieci anni nel campo dell'informazione scolastica e della pubblica amministrazione.

Resta in contatto

Newsletter