Questo sito ricorre ai cookies per ottimizzarne l'utilizzo da parte del visitatore. Continuando a navigare nel sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire, clicca qui.

LOGIN

Domenica, 16 giugno 2019

     
HOME Le Notizie Lavoro Aspettativa per diversa attività lavorativa
29 Mag 2018

Aspettativa per diversa attività lavorativa

L’art. 18, comma 3 del CCNL Scuola, nell’ambito del più generale diritto alla aspettativa, dispone che: "Il dipendente è inoltre collocato in aspettativa, a domanda, senza assegni per realizzare l’esperienza di una diversa attività lavorativa o per superare un periodo di prova".

Anche il legislatore è intervenuto sula materia con il c.d. Collegato lavoro, ovvero la Legge. 183/2010, che al comma 1 dell’art. 18 così prevede: "I dipendenti pubblici possono essere collocati in aspettativa, senza assegni e senza decorrenza dell’anzianità di servizio, per un periodo massimo di dodici mesi, anche per avviare attività professionali e imprenditoriali. L’aspettativa è concessa dall’amministrazione, tenuto conto delle esigenze organizzative, previo esame della documentazione prodotta dall’interessato".

In proposito, una recente sentenza della Corte dei conti, analizzata nell'articolo di Francesca Romana Ciangola (in Sinergie di Scuola n. 79/2018), offre importanti indicazioni pratiche sul corretto modo di intendere il rapporto di lavoro e i diritti e i doveri contrattuali, trattando della aspettativa richiesta da una docente per realizzare una diversa attività lavorativa. In particolare, vengono illustrate le verifiche che il Dirigente scolastico deve effettuare prima di concedere il periodo di aspettativa.

Informazioni sul pre-abbonamento

Logo SinergieSinergie di Scuola è un'iniziativa editoriale di HomoFaber Edizioni. Da oltre dieci anni nel campo dell'informazione scolastica e della pubblica amministrazione.

Resta in contatto

Newsletter