Questo sito ricorre ai cookies per ottimizzarne l'utilizzo da parte del visitatore. Continuando a navigare nel sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire, clicca qui.

LOGIN

Domenica, 22 aprile 2018

     
HOME Le Notizie Giurisprudenza No al sovraffollamento nelle aule
21 Gen 2011

No al sovraffollamento nelle aule

 

Il Tar del Lazio ha detto "no" al sovraffollamento nelle aule scolastiche.

La decisione (N. 06143/2010) è stata depositata ieri dalla sezione terza bis del tribunale amministrativo regionale di Roma ed accoglie il ricorso proposto da Codacons contro il Ministero dell'Istruzione Università e Ricerca, Ministero dell'Interno, Ministero dell'Economia e delle Finanze, Ministero per la Pubblica Amministrazione e l'Innovazione e tutti gli Uffici scolastici regionali per ottenere la condanna delle amministrazioni resistenti, ciascuna per quanto di propria competenza, all’adozione degli atti amministrativi di carattere generale, obbligatori per legge, necessari a riportare in termini di normale tollerabilità l’emergenza legata al denunciato sovraffollamento delle aule scolastiche.

Il Codacons, ricordiamo, nel dare notizia delle numerose segnalazioni ricevute da insegnanti, studenti e genitori, lamentava la diffusa inosservanza degli indici minimi di edilizia scolastica e dell’indice di massimo affollamento delle aule, descrivendo situazioni di pericolo e disagio stigmatizzate con l’espressione “classi-pollaio”.

Per i Giudici, “il conseguente maggiore affollamento delle aule e la relativa inidoneità delle stesse a contenere gli alunni in condizioni di sicurezza, salubrità e vivibilità, costituisce infatti implicazione di carattere strutturale non risolubile attraverso misure di carattere meramente organizzativo, ma unicamente affrontabile attraverso una mirata riqualificazione edilizia degli edifici e delle aule. Non v’è dubbio che le strutture edilizie costituiscano elemento fondamentale ed integrante del sistema scolastico e come tali debbano avere uno sviluppo qualitativo ed una collocazione sul territorio adeguati alla costante evoluzione delle dinamiche formative, culturali economiche e sociali”.

Per tale ragione, accogliendo in parte il ricorso del Codacons, e accertata la mancata emanazione del piano generale di edilizia scolastica previsto dall’art.3 del dPR 81/09, il Tar del Lazio ordina al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca scientifica ed al Ministero dell’Economia e delle Finanze, l’emanazione, di concerto, del predetto piano generale, entro giorni 120 dalla notificazione della sentenza, utilizzando a tal fine le risorse strumentali, finanziarie ed umane già assegnate in via ordinaria e senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Logo SinergieSinergie di Scuola è un'iniziativa editoriale di HomoFaber Edizioni. Da oltre dieci anni nel campo dell'informazione scolastica e della pubblica amministrazione.

Resta in contatto

Newsletter