Questo sito ricorre ai cookies per ottimizzarne l'utilizzo da parte del visitatore. Continuando a navigare nel sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire, clicca qui.

LOGIN

Mercoledì, 19 gennaio 2022

     
HOME Notizie Giurisprudenza Licenziata perché non faceva le cure termali
30 Gen 2013

Licenziata perché non faceva le cure termali

Non è legittimo il licenziamento di una dipendente che aveva fruito dei permessi retribuiti per cure termali e non era stata vista entrare e uscire dal centro termale.

La Cassazione, con sentenza n. 1329 del 21/01/2013, nel confermare la decisione della Corte territoriale, ha stabilito che il mancato incontro della lavoratrice all'entrata o all’uscita dal centro presso il quale la dipendente avrebbe dovuto eseguire le cure termali non può costituire prova certa della mancata fruizione delle cure stesse.

Infatti, per la Suprema Corte “ferma la validità del principio invocato dal datore di lavoro, relativo alla legittimità del controllo da parte di terzi della condotta del lavoratore al di fuori dello stretto ambito lavorativo, ove lo stesso sia finalizzato alla tutela dei beni estranei al rapporto stesso, sarebbe stato onere dell'azienda dimostrare e provare la giusta causa del licenziamento anche attraverso elementi idonei a dimostrare la presenza della lavoratrice in luoghi diversi dal centro termale nei giorni delle assenze dal lavoro".

A maggior ragione se si considera che la lavoratrice era stata in grado di fornire la prova della sua presenza all’interno del centro termale negli stessi giorni in cui aveva fruito dei permessi retribuiti.

Logo SinergieSinergie di Scuola è un'iniziativa editoriale di HomoFaber Edizioni. Da oltre dieci anni nel campo dell'informazione scolastica e della pubblica amministrazione.

Resta in contatto

Newsletter