Questo sito ricorre ai cookies per ottimizzarne l'utilizzo da parte del visitatore. Continuando a navigare nel sito, acconsenti all'uso dei cookies. Per approfondire, clicca qui.

LOGIN

Martedì, 23 ottobre 2018

     
HOME Le Notizie Giurisprudenza Le varie tipologie di supplenza
10 Ott 2018

Le varie tipologie di supplenza

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 21167/2018, ha dichiarato inammissibile il ricorso di una assistente amministrativa che chiedeva al MIUR di riconoscerle il diritto a percepire le retribuzioni dei mesi di luglio ed agosto, con conseguenze sulla anzianità contributiva e di servizio, relativamente a due contratti a tempo determinato stipulati il 24 ottobre 2009 e il 18 ottobre 2010 con scadenza il 30 giugno di ciascuno degli anni scolastici.

A questo proposito i giudici chiariscono che: “la legge n. 124 del 1999 ha differenziato le supplenze nella scuola in tre tipologie (art. 4). Le supplenze annuali (c. 1), cosiddette su "organico di diritto", riguardano posti disponibili e vacanti e hanno scadenza al termine dell'anno scolastico (31 agosto): si tratta di posti che risultano effettivamente vacanti entro la data del 31 dicembre e che rimarranno scoperti per l'intero anno. Questa Corte ha osservato che (Cass. n.15217 del 2017) in tema di supplenze brevi per l'insegnamento, la L. n. 124 del 1999, all'art.4, commi 6 e 7, prevede che, per il conferimento delle supplenze annuali e delle supplenze temporanee fino al termine delle attività didattiche, occorre attingere alle graduatorie permanenti, mentre, per il conferimento di supplenze temporanee, devono utilizzarsi le graduatorie di circolo e di istituto, articolate, ai sensi dell'art. 5, comma 3, lett. A e B, del d.m. n. 430 del 2000, in tre fasce; a tali previsioni si aggiunge l'art. 6, comma 1, del d.l. n. 155 del2001, conv., con modif., dalla I. n. 333 del 2001, che introduce un criterio subordinato e residuale per conferire sia le supplenze annuali che quelle fino al termine delle attività scolastiche, qualora l'Amministrazione, pur avendo fatto ricorso, prioritariamente, alle ordinarie graduatorie permanenti, non sia riuscita a coprire i posti per cui si è reso necessario il conferimento delle supplenze medesime, potendo in questo caso procedere allo scorrimento delle graduatorie di istituto”.

Fonte: ARAN

Logo SinergieSinergie di Scuola è un'iniziativa editoriale di HomoFaber Edizioni. Da oltre dieci anni nel campo dell'informazione scolastica e della pubblica amministrazione.

Resta in contatto

Newsletter